fbpx

Orari di Apertura: Lun-Ven 8:00 - 12:00; 14:30 - 18:30

Dove Siamo

Via Garessio 4, Imperia

Telefono

+39 0183 29 34 20

Quando cambiare le pastiglie dei freni dell’auto

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

La corretta manutenzione delle pasticche dei freni è fondamentale per viaggiare in sicurezza a bordo della propria vettura.

Le automobili hanno bisogno di una cura costante, tanti piccoli accorgimenti che spesso anche i guidatori più esperti tendono a dimenticare.

Solamente, ci si preoccupa di effettuare un controllo nel momento in cui le pasticche dei freni fischiano. Non tutti sanno che esistono tanti altri indicatori per effettuare la sostituzione con il pezzo di ricambio.

Vediamo quando è necessario cambiare le pasticche dei freni dell’auto e come procedere step by step.

Le pasticche dei freni

La funzione delle pasticche dei freni è quella di generare attrito con il disco freno e quindi rallentare il moto della vettura.

Il concetto di pasticca, cioè di un supporto che crea attrito, nasce nei primi anni del secolo scorso con alcuni esperimenti realizzati usando il legno.

Nel corso della storia, grazie alle nuove tecnologie e alle scoperte effettuate sul campo, si è arrivati a produrre le pasticche che conosciamo oggi.

Moltissime automobili in commercio, specialmente per quanto riguarda la frenatura anteriore, utilizzano il sistema dei dischi, un meccanismo che piano piano soppianterà totalmente quello di vecchia scuola a tamburo. Le differenze tra i due sistemi non sono solo di carattere costruttivo ma anche per quello che riguarda la durata nel tempo riguardo, l’usura e la loro efficacia specifica quando chiamati in causa.

Un sistema a disco è più efficace e fornisce una frenatura di notevole efficacia. Il sistema a tamburo possiede una frenata che si potrebbe definire più lenta, ma le sue caratteristiche costruttive e funzionali gli permettono di durare di più nel tempo.

Elementi essenziali dei freni a disco sono le pasticche, piccoli ricambi soggetti a usura, responsabili dell’attrito sul disco, quell’azione che permette la frenata in senso stretto. Premesso che responsabili di una frenata efficiente e sicura sono anche lo stato dei dischi, la funzionalità dei pistoncini e il grado di purezza dell’olio idraulico. Andiamo a vedere come si costruisce una pasticca freno e che differenze ci sono tra i diversi modelli.

La sostituzione delle pasticche dei freni: quando va effettuata

Le pasticche dei freni e vanno sostituite mediamente ogni 50.000 chilometri. Per questo motivo le pasticche vanno cambiate quando raggiungono uno spessore minore ai 2-3 millimetri.

Il livello di usura delle pastiglie può essere determinato da diversi fattori:

  • Cambio manuale. Se si è utilizza il cambio automatico, la durata media delle pastiglie è di 50.000.
  • Cambio automatico o sequenziale. In questo caso, le pastiglie tendono a durare fino a 30.000
  • Stile di guida individuale. Nel casi di frequenti frenate ad alta velocità, le parti possono usurarsi già dopo 5.000 chilometri di utilizzo.
  • Tipo di cilindrata. Le auto più pesanti richiedono una sostituzione più frequente dei componenti.
  • Livello di usura del disco freno. La superficie irregolare di una parte danneggiata ha un effetto negativo sulle pastiglie.
  • Malfunzionamento dei pistoni della pinza del freno, con conseguente usura irregolare delle parti.
  • Composizione del materiale d’attrito. La durata operativa delle parti in ceramica è maggiore rispetto a quella delle parti realizzate con materiali organici.

Le auto di ultima generazione presentano spie o indicatori luminosi che segnalano sul cruscotto quando è necessario sostituire le pastiglie dei freni.

Per le vetture più datate esistono altre tipologie di segnali, ad esempio una frenata troppo lenta potrebbe significare che probabilmente è arrivato il momento di cambiare le pastiglie. Altri indicatori sono: forti rumori provenienti dalle ruote motrici, odore di gomma bruciata, eccessiva lunghezza della corsa del pedale del freno.

Infine alcuni modelli di pastiglie presentano un particolare indicatore che permette di valutarne spessore e condizione. Il modo migliore per assicurarsi il corretto funzionamento delle pastiglie è effettuare un controllo presso il proprio meccanico di fiducia per verificarne di persona l’usura.

La sostituzione delle pasticche dei freni: le

Come abbiamo visto, le pasticche dei freni sono un elemento fondamentale per la sicurezza dell’auto, in quanto regolano la frenata e la fanno sì che l’auto funzioni regolarmente.

Solitamente per portare a termine il cambio delle pastiglie occorrono:

  • un cacciavite a testa piatta;
  • un set di chiavi aperte e chiavi ad anello;
  • un martinetto per sollevare l’auto.

Prima di compiere i vari passaggi per rimuovere le pasticche usurate è necessario assicurarsi che l’automobile sia fredda.

L’operazione di sostituzione delle pasticche dei freni non è in sé complessa, ma un piccolo errore potrebbe portare al malfunzionamento dell’intero impianto. Per questo motivo è sempre consigliato rivolgersi a dei professionisti del settore. Un buon meccanico può consigliare le migliori pasticche per il veicolo, effettuando la sostituzione.

Condividi questo post con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbe interessare anche...

Iscriviti alla Newsletter

Ti inveremo solo le Migliori Offerte dedicate a te. No Spam, promesso!