fbpx

Orari di Apertura: Lun-Ven 8:00 - 12:00; 14:30 - 18:30

Dove Siamo

Via Garessio 4, Imperia

Telefono

+39 0183 29 34 20

Come pulire interni auto

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Moltissime persone considerano la pulizia della propria auto qualcosa di superfluo, da effettuare poche volte l’anno. Alcuni sentono la necessità di igienizzare gli interni della vettura solo in seguito a eventi eccezionali, ma non questa non è da considerarsi una buona abitudine. Si pensi solamente che secondo uno studio condotto da un noto noleggio auto statunitense,  le automobili sporche contengono fino a quattro volte i batteri presenti in un WC pubblico. Impressionante, non è vero? Lo studio ha misurato che la sporcizia delle parti interne dell’auto attraverso la quantità media di batteri per centimetro quadrato o unità formanti colonia (CFU).

I volanti sono risultano avere ben 629 CFU. Al contrario, lo schermo di uno smartphone ne conta in media 100, i pulsanti di un ascensore sono a 313 CFU mentre la tavoletta di un WC pubblico si ferma a 172 CFU. Quello che spaventa sono i due tipi di batteri più comuni che si trovano all’interno della vettura. Secondo lo studio proliferano in auto i batteri di Staphylococcus, che sono la causa di molte malattie come intossicazione alimentare o infezioni alla pelle di varia natura. L’altro batterio è il Propionibacterium che può causare infiammazioni e infezioni molto lievi.

Vedremo dunque in questo articolo, quali sono i modi più sicuri per pulire gli interni dell’auto e preservare la salute di tutta la famiglia, capendo insieme i migliori rimedi “fai da te” per interni auto in pelle e per interni auto in tessuto.

La pulizia a vapore per gli interni della nostra auto

La pulizia degli interni auto a vapore permette in un colpo solo di rimuovere lo sporco, lavare, igienizzare sedili e ogni altra superficie interna all’abitacolo.

Come abbiamo visto, la corretta pulizia dell’auto e dei suoi interni è un’operazione che andrebbe eseguita regolarmente, non solo per rendere il veicolo presentabile e ordinato, ma anche per mantenerlo più a lungo in condizioni ottimali.

Grazie a un vaporetto o a un’aspirapolvere domestica è possibile pulire alla perfezione ogni angolo dell’abitacolo, compresi i sedili, i tappetini e il bagagliaio. Alcuni modelli di pulitori a vapore sono anche dotati di una spazzola per i tessuti, perfetta per una pulizia efficace dei sedili. Prima di procedere alla pulizia interni auto a vapore, ti suggeriamo di liberare tutto l’abitacolo da qualunque oggetto superfluo e svuotare posacenere e portaoggetti. Fatto questo, puoi iniziare a dedicarti alla pulizia dell’abitacolo dell’auto, senza trascurare bagagliaio e fondo, rimuovendo tutta la polvere e lo sporco con l’aiuto di un aspirapolvere o un aspiratore multifunzione.

Una volta eliminati polvere e sporco, è indicato di procedere con la pulizia a vapore, ricordandosi di regolare l’intensità e il getto di vapore per evitare di danneggiare le superfici. Con il getto di vapore o l’apposita spazzola per la pulizia auto puoi lavare e igienizzare portaoggetti, tetto interno, tappetini, fondo, pedali, consolle centrale, interno del bagagliaio e persino il vano motore.

Come pulire gli interni auto “fai da te”

Sporco, polvere, residui di cibo, capelli e peli di animali tendono ad accumularsi ogni giorno, ma rivolgersi a un autolavaggio, oltre a essere costoso, può riservare brutte sorprese. Meglio optare per una soluzione fai da te pratica ed efficace. Senza bisogno di ricorrere a prodotti chimici o a rimedi naturali alternativi, con la pulizia interni auto a vapore il risultato è garantito anche dal punto di vista igienico. Il primo step da eseguire è estrarre i tappetini dall’auto e sbatterli energicamente per rimuovere tutti i detriti che vi si sono accumulati. Si procede poi all’interno utilizzando l’aspirapolvere per eliminare eventuali briciole, capelli e sporcizia. I tappetini devono poi essere lavati usando un detersivo spray ed una spazzola con le setole dure. Se si presentano macchie evidenti, ad esempio di catrame oppure di olio, potrebbe essere indispensabile procurarsi dei prodotti specifici da utilizzare trattando le zone unte prima di passare alla pulizia generale. Una volta detersi, i tappetini possono essere stesi su uno stendino all’aria aperta.

Anche tutta la tappezzeria dell’auto deve essere lavata con detersivo e spazzola; durante questa operazione, i tappetini avranno tempo e modo di asciugarsi al meglio. L’interno dell’auto tende a non inumidirsi facilmente, quindi è bene insistere, ma prestando attenzione: una volta bagnato, c’è il rischio che si inzuppi e sviluppi muffe. Per questo motivo è necessario assorbire l’acqua in eccesso con un panno asciutto e pulito, muovendolo in un’unica direzione e non andando avanti e indietro. Si consiglia di lasciare le portiere aperte per una maggiore asciugatura o di utilizzare un ventilatore per abbreviarne i tempi.

Cosa utilizziamo per la tappezzeria? Occorre mischiare il detersivo specifico in un secchio d’acqua, nella dose raccomandata. Solitamente ne viene usata una buona quantità e si tende a mescolare vigorosamente per ottenere la schiuma, che è proprio quella che utilizzerai realmente per procedere con la pulizia. Si raccomanda di concentrarsi su un’area di dimensioni limitate alla volta, senza spargere la schiuma ovunque per poi strofinare, ma procedendo man mano per piccole zone, rendendo la pulizia più accurata e cercando di evitare il più possibile l’assorbimento del prodotto.

Il processo, se ben fatto, richiederà tempo e evidentemente la schiuma del secchio diminuirà; è decisamente indicato non utilizzare mai solo acqua, sarà quindi necessario mischiare più volte il detersivo, aggiungendone di tanto in tanto.

Anche il cruscotto merita attenzione nella pulizia; si raccomanda innanzitutto l’utilizzo di una pezzetta attira polvere. Se non sai di cosa si tratta, è un panno speciale che si trova in commercio e che può essere utilizzato anche sui mobili e le superfici domestiche. È antistatico, per questo motivo attira la polvere trattenendola, evitando che si ridepositi. Questo panno non servirà a nulla qualora il cruscotto presenti delle macchie ostili o datate. In tal caso, sarà necessario utilizzare le salviettine imbevute sfregando energicamente.

Alla fine del processo di pulizia, si passa alla lucidatura del cruscotto. Esistono degli ottimi prodotti adatti a quelli in plastica oppure ai cruscotti realizzati in materiale gommoso; per quelli in radica è meglio utilizzare i prodotti apposta per la lucidatura del legno.

Continuiamo con la pulizia dei vetri e degli specchietti; si suggerisce di effettuare questo lavoro con l’ausilio di un panno in pelle, che deve essere passato seguendo sempre la medesima direzione, per non lasciare aloni sgradevoli. In alternativa al panno di pelle, si possono utilizzare dei fogli di giornale oppure dell’acqua con poche gocce di aceto.

Dopo questo passaggio, si puliranno i sedili dell’auto. In genere si passano semplicemente con l’aspirapolvere ed un panno umido, per eliminare qualsiasi residuo di sporcizia. Se questi dovessero presentare delle macchie, ovviamente in base al materiale di cui sono fatti, esistono in commercio diversi detergenti e bisogna seguire le modalità che garantiscano i risultati migliori.

Prodotti fatti in casa: zero costi, massimo risultato!

Se si vuole evitare l’acquisto di detergenti, esiste anche un prodotto fai da te molto efficace, che possiamo creare autonomamente a casa nostra; questo si realizza con 120 ml di aceto di vino bianco, 120 ml di sapone liquido neutro, 60 ml di succo di limone, una tazza di bicarbonato. Basta mischiare bene il tutto in una bottiglietta con erogatore spray e il gioco è fatto: la soluzione è pronta per essere usata.

Si raccomanda di non usare detergenti normali per la pulizia dei sedili in pelle, che deve essere fatta con prodotti specifici e utilizzando un panno morbido.

Non dimentichiamo di pulire con cura anche lo spazio sotto i sedili; in questo caso il segreto non sta in un prodotto da utilizzare, ma nella strategia: l’ideale per pulire bene è farlo da dietro, portando avanti i sedili il più possibile e ribaltandoli per avere più spazio di manovra a disposizione. Per pulire le guide dei sedili, che si riempiono di polvere e briciole, è consigliato utilizzare un pennello a setole dure e spazzate via tutto ciò che potrete poi tranquillamente raccogliere con l’aspirapolvere.

Se all’interno dell’auto rimangono degli odori sgradevoli e particolarmente resistenti, potrebbe essere necessario l’impiego di soluzioni antiodore efficaci per eliminarne ogni traccia. Se questi dovessero persistere, si consiglia di mettere del bicarbonato nel vano posacenere oppure in una ciotolina sul cruscotto: assorbirà ogni cattivo odore.

Alla fine del processo, si rimetterà in ordine l’abitacolo, riprendendo tutto ciò che è stato spostato per facilitarne la perfetta aspirazione in ogni angolo.

Si consiglia di posizionare negli interni un profumatore per automobili, in commercio se ne trovano moltissimi, dai più dolci alle fragranze più fresche, per accontentare ogni gusto; solitamente viene posizionato comodamente sullo specchietto oppure attorno al cambio. Oltre alla vista, anche l’olfatto vuole la sua parte: entrare in macchina e sentire un buon odore crea sicuramente la percezione di pulito.

Tenere la propria auto pulita e ordinata è un’abitudine salutare, evita l’inalazione di polvere o la formazione e proliferazione di germi e batteri che possono essere nocivi alle vie respiratorie.

Condividi questo post con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbe interessare anche...

Iscriviti alla Newsletter

Ti inveremo solo le Migliori Offerte dedicate a te. No Spam, promesso!