fbpx

Orari di Apertura: Lun-Ven 8:00 - 12:00; 14:30 - 18:30

Dove Siamo

Via Garessio 4, Imperia

Telefono

+39 0183 29 34 20

Differenza tra revisione e tagliando

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

La differenza principale tra revisione e tagliando auto sta principalmente nel tempo e nella cura che si ha del proprio veicolo. La revisione è obbligatoria per legge e va fatta ogni due anni, il tagliando è a discrezione del proprietario della macchina, ma garantisce una vita più lunga e sicura all’auto.

La revisione auto va fatta per la prima volta dopo 4 anni dall’immatricolazione e successivamente ogni 2 anni.

I controlli da eseguire riguardano molteplici aspetti, dalla conformità degli pneumatici alla presenza del triangolo d’emergenza e sono volti a garantire che i mezzi circolanti assicurino la sicurezza di tutti, ovvero quella di chi guida ma anche di chi si trova per strada.

Ecco perché è obbligatoria per legge ed ecco perché se si circola con la revisione scaduta si va incontro a sanzioni anche piuttosto onerose (fino a quasi 700 euro, di più se si è recidivi), oltre che alla sospensione dalla circolazione.

La revisione non è volta ad intervenire su eventuali mancanze ma solo a controllare che sia tutto in regola.

Il tagliando invece non ha precise scadenze, molto dipende dalle indicazioni della casa automobilistica e dal vostro stile di guida. Tutte le auto più recenti di norma segnalano tramite l’apposita spia “service” la necessità di effettuare il tagliando, o per superamento del chilometraggio di riferimento o per scadenza dell’intervallo di tempo suggerito.

I controlli che si effettuano durante un tagliando possono essere in parte sovrapponibili a quelli della revisione, ma in questo caso saranno più approfonditi e mireranno ad un intervento sul mezzo.

Il controllo del tagliando auto

In corso di tagliando l’auto viene sottoposta a molti controlli, volti a verificarne lo stato generale di funzionamento. Nello specifico, dopo un’analisi visiva dello stato della carrozzeria, si procede a all’interrogazione del sistema di diagnosi del veicolo (centraline e sistemi elettronici). Dopo l’acquisizione degli eventuali codici di guasto rilevati, vengono effettuati controlli approfonditi relativi a: abitacolo (alzavetri, tergicristalli, freno a mano, chiusura centralizzata); vano motore (candele, alternatore, batteria, motorino di avviamento, cinghie, circuiti idraulici, pompe); livello dei liquidi; impianto frenante; ammortizzatori e sospensioni; cambio e frizione; stato pneumatici; impianto di climatizzazione; organi di scarico. In corso di tagliando, si procede inoltre alla sostituzione di: olio motore e relativo filtro; olio del cambio (qualora necessario); filtro dell’aria; filtro del carburante; filtro abitacolo.

Conclusi i vari test, viene effettuato un giro di prova, al termine del quale viene rilasciato un documento che attesta i controlli eseguiti, e relativi esiti e gli interventi effettuati.

Quando va effettuato il tagliando auto?

Le scadenze per il tagliando sono stabilite dalle case costruttrici, in base al tempo trascorso dall’acquisto o ai chilometri percorsi: gli intervalli temporali o chilometrici sono riportati sul libretto, insieme allo schema di manutenzione, in cui vengono elencati i controlli che l’officina è tenuta ad effettuare in corso di tagliando. Gli intervalli fra un tagliando e l’altro variano a seconda dei modelli di auto, ma in linea di massima possiamo affermare che:

Il primo tagliando va effettuato circa 6 mesi o 10.000 km dopo l’acquisto. I successivi a intervalli di 1 anno o 20.000 km.

Nelle auto più moderne è invece la stessa centralina elettronica ad avvisarci che è giunto il momento di sottoporre l’auto ai controlli previsti dalla casa madre. Ad esempio il tagliando auto fiat va effettuato di regola 12 mesi dopo dall’acquisto.

Molti automobilisti pensano erroneamente che, quando la garanzia è ancora attiva, il tagliando vada necessariamente effettuato presso un’officina della casa madre. Questo non è assolutamente vero. Ormai da anni è in vigore il Regolamento CE 461/2010, secondo il quale ogni automobilista ha il diritto di rivolgersi alle officine indipendenti per effettuare gli interventi di manutenzione e riparazione della propria vettura anche durante il periodo di validità della garanzia.

In pratica, i produttori non possono più imporre che il riconoscimento della garanzia sia subordinato all’esclusiva riparazione e manutenzione di un veicolo presso la propria rete di assistenza. Per questo motivo, ogni automobilista può scegliere se rivolgersi alla casa madre o a un’officina indipendente per effettuare il tagliando, che in questo secondo caso avrà costi minori.

Quando costa il tagliando auto?

Partendo dal presupposto che il costo del tagliando non è uguale per tutte le vetture (dipende infatti da molti fattori, fra cui il tipo di veicolo e quali e quante componenti devono essere sostituite), in caso di un’officina indipendente le spese si abbassano di circa il 20%, e per una manutenzione ordinaria si spendono in media fra i 150 e i 300 €. Si può comunque richiedere all’officina un preventivo per il tagliando della propria auto.

A fronte del costo più contenuto, è però necessario fare molta attenzione all’officina a cui ci si rivolge. Quest’ultima, infatti, deve disporre delle informazioni necessarie ed essere dotata di strumentazioni adeguate per effettuare un tagliando a regola d’arte. In caso contrario si corre il rischio di perdere non solo la garanzia sul veicolo ma anche e soprattutto la sicurezza in strada. Affinché la garanzia non decada è indispensabile che gli autoriparatori si attengano con scrupolosità alle indicazioni della casa madre, per quanto riguarda parti di ricambio utilizzate e procedure: le parti di ricambio devono essere originali o di qualità equivalente; liquidi e lubrificanti devono essere rimpiazzati con quelli aventi le specifiche tecniche indicate dal produttore.

Nel corso del tagliando devono essere scaricati tutti gli aggiornamenti software disponibili per la centralina di gestione: solo in questo modo l’automobilista avrà la certezza di mantenere la garanzia della propria auto, e di continuare a viaggiare in tutta sicurezza.

Revisione: dove farla e prezzi

La revisione dell’auto può essere effettuata presso i centri revisione e le officine autorizzate da parte del Ministero dei Trasporti, presso un’agenzia ACI oppure presso la Motorizzazione Civile dell’area di competenza. In tutta Italia esistono circa 9.000 centri autorizzati ad effettuare la revisione auto. Il costo della revisione auto, è attualmente di 45€ presso la Motorizzazione Civile, che però richiede una trafila lunga di prenotazione, mentre dovrebbe passare nel corso del 2021 a 79,02€ presso i centri di revisione privati, di cui: 54,95 € per il costo di revisione.

Condividi questo post con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbe interessare anche...

Iscriviti alla Newsletter

Ti inveremo solo le Migliori Offerte dedicate a te. No Spam, promesso!